Il riciclaggio dei bicchieri di carta: la forza sta nel numero

Dal 2016 parte delle buste di carta prodotte da CEE Schisler, uno dei membri fondatori di Pack2Go Europe, sono realizzate riciclando bicchieri di carta usati. Ogni giorno negli uffici dell’azienda vengono infatti utilizzati migliaia di bicchieri di carta che in Francia, fino a poco tempo fa, non erano riciclati. Ma le cose stanno cambiando perché l’intenzione è quella di estendere sempre più il riciclaggio, le aziende vogliono smaltire i rifiuti prodotti in modo più efficiente e nuove ditte si sono affacciate alla ribalta offrendo servizi di raccolta specializzati.

Il motivo principale per cui ora si riciclano i bicchieri di carta è che adesso è possibile raccogliere una quantità di bicchieri tale da rendere il loro riciclaggio economicamente sostenibile. Tutto parte dalla raccolta differenziata. Nonostante i bicchieri di carta siano rivestiti all’interno da un sottile strato di plastica per salvaguardare l’integrità del prodotto e per motivi di sicurezza alimentare, la tecnologia per riciclarli è collaudata da tempo.

PIÙ RACCOLTA DIFFERENZIATA = PIÙ RICICLAGGIO

Oggi CEE Schisler trasforma questi bicchieri in buste con la collaborazione di Greenwishes e Papeterie Raon. Greenwishes raccoglie i bicchieri usati dalle aziende in varie parti della Francia e li consegna a Papeterie Raon, che a sua volta li trasforma in polpa e carta che sono inviate a CEE Schisler, dove saranno utilizzate per realizzare nuove buste di carta per varie aziende, tra cui McDonald’s. Ecco una storia esemplare di economia circolare!

Nostra economia circolare #Blog